Concorso di colpa, il pedone non sempre ha ragione

La Corte di Cassazione (VI sezione Civile), con ordinanza n. 27524/2017, è intervenuta sullo spinoso argomento del concorso di colpa del pedone. Una decisione che farà certamente discutere, che però si pone nel solco della continuità ispirandosi ai dettami del Codice della Strada.

Gli ermellini, nel caso di specie, hanno riconosciuto l’esistenza di un concorso di colpa del 20% ritenendo colposa la condotta del pedone per aver attraversato la strada di notte e al di fuori dalle strisce pedonali. Una violazione delle regole di comune prudenza, il cui mancato rispetto è stato ritenuto alla base dell’avvenuto sinistro.

Una decisione ispirata al testo dell’art. 190 comma 5 C.d.S. secondi cui “i pedoni che si accingono ad attraversare la carreggiata in zona sprovvista di attraversamenti pedonali devono dare la precedenza ai conducenti“.


Avv. Salvatore Impusino

Salvatore Impusino è un avvocato civilista. Fondatore dello Studio Legale Impusino, esercita la professione dal 2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *